James Franco contro Spring Breakers 2: "Vogliono fare soldi facili", i produttori rispondono

James Franco e Harmony Korine non hanno accolto bene la notizia del sequel di Spring Breakers in sviluppo dalla Wild Bunch. A giudicare dalle reazioni, pare che i due autori del piccolo cult che ha incassato 31 milioni dollari non siano stati consultati dallo studio.
Ecco cosa ha scritto Franco su instagram:
DICHIARAZIONE SU SPRING BREAKERS 2
"Io e Harmony Korine non abbiamo dato il nostro consenso. Il film originale è stata una creazione di Harmony. Questi produttori intendono capitalizzare su quel film innovativo per fare soldi facili con un seguito debole. Voglio che tutti sappiano che chiunque sia coinvolto in questo sequel è a bordo di una nave velenosa. Sarà un film terribile, con una orribile ragione d’être: sfruttare la creatività altrui per fare soldi. Riuscite a immaginare un sequel di Taxi Driver senza il consenso di Scorsese e De Niro? Follia! Parlo anche a nome di Harmony e della sua visione, e per tutte le persone che hanno a cuore l'integrità artistica."
Non c'è stato bisogno di attendere molto prima di ottenere una risposta dalle "vittime", che non hanno dato troppo peso alle accuse come si evince da alcune dichiarazioni rilasciate a Variety.
"Vediamo se ricordo tutti i sequel che James ha fatto" ha detto Chris Hanely di Muse Productions. "Il Grande e Potente Oz, Spider-Man 2, Il Pianeta delle Scimmie. E pare che stia facendo di tutto per un seguito degli Strafumati. Immagino creda che solo i 'film troppo celebri per fallire' siano una via artisticamente valida".
Ha poi fatto notare, con toni più seri, che il film sarà diretto dal regista di "Spun" Jonas Akerlund su uno script di Irvine Welsh. “Questi non mi sembrano artisti deboli e incapaci, senza contare che il nostro trascorso nell'industria parla da sè".
Roberta Gertner ha poi precisato che l'operazione rientra nei termini della authorship della totale legalità: “Siamo in possesso di tutti i diritti di sfruttamento: prequel, sequel, remake e spin-off di animazione".
Probabilmente la storia non finirà qui. Nel frattempo a Cannes è stato esposto il primo banner di Spring Breakers: The Second Coming (questo il titolo del progetto), che sarà presentato ai distributori.
Irvine Welsh (Trainspotting, Filth) scriverà la sceneggiatura di questo seguito, mentre alla regia troveremo lo svedese Jonas Akerlund (Spun, Piccoli appartamenti, nonché autore di un gran numero di videoclip di Madonna).
http://www.badtaste.it/articoli/james-franco-contro-spring-breakers-2-vogliono-fare-soldi-facili-i-produttori-rispondono
Posta un commento