L'UOMO VOGUE | Cover story | Lana Del Rey

Sull'avambraccio destro ha tatuato i nomi Nabokov e Whitman, un omaggio ai due scrittori che insieme ad Allen Ginsberg e agli altri poeti della Beat Generation sono la sua fonte di ispirazione, oltre che il motivo per cui ha deciso di diventare cantante. "Poeti come Ginsberg raccontano storie usando le parole come fossero pittura, combinandole tra loro in modo da creare dipinti straordinari. Ecco perché, quando ho intuito la possibilità di raggiungere tramite la carriera un simile risultato, mi sono dedicata anima e corpo alla musica, usando parole e poesia per raccontare la mia vicenda, per creare il mio personale dipinto".
Dalla terrazza dello Chateau Marmont, Lana Del Rey – nome d’arte di Elizabeth Woolridge Grant, classe 1985, capelli ramati, labbra carnose rosso fuoco, lineamenti ed eleganza L.A.-Mexican style da beauty pageant versione vintage – si racconta con un inaspettato mix di ilarità e profondità. "Se esiste il centro di Hollywood, allora deve essere per forza lo Chateau. Per me è un luogo importante, che ha molto influenzato l’estetica di tanti miei video. Distruzione, speranza, sogni, eleganza, opulenza: c’è tutto".
Prosegue parlando del suo ultimo album, “Ultraviolence”, un titolo preso in prestito da Anthony Burgess, autore del famoso libro Arancia meccanica da cui è tratto il film cult di Kubrick. "Ho sempre saputo che avrei scritto un album dal titolo Ultraviolence, perché mi interessava il concetto di ultraviolenza, un argomento fin troppo attuale. Il mio incontro con Dan Auerbach dei Black Keys (che ha prodotto l’album, ndr) è stato certamente uno stimolo in più. Già solo il fatto che fosse interessato al mio lavoro mi ha motivata a cominciarne la composizione. A quel punto ho chiamato il mio amico Lee Foster – proprietario degli Electric Lady Studios di New York – e ho prenotato quattro settimane di registrazione. Ho iniziato a produrre da sola, con il batterista e il chitarrista della mia band.
Poi, per caso, una sera ho incontrato Dan in un club e lui mi ha convinta a seguirlo a Nashville, dove abbiamo registrato con una band di Brooklyn composta da sette strumentisti. È stata un’esperienza davvero incredibile; la sua energia è stata fondamentale per il mio processo creativo. Per la prima volta ho cantato dal vivo, accompagnata dal gruppo; è stato un processo molto spontaneo e naturale, differente da tutte le mie esperienze precedenti".
Ultraviolence è una raccolta di canzoni autobiografiche in cui Lana esplora il tema delle relazioni “tossiche” in cui spesso la donna è troppo coinvolta sentimentalmente per cogliere appieno l’abuso fisico ed emotivo che si trova a subire dal partner.
"Per me ogni disco è un’esperienza diversa, con una narrativa tutta sua. A volte le canzoni si esprimono tramite la melodia, altre volte attraverso un’atmosfera. Tutti i miei album hanno una genesi e un percorso del tutto propri. Spesso per trovare l’ispirazione mi metto al volante della mia auto e sfreccio in lungo e in largo per Los Angeles, preferibilmente di sera, quando non c’è più traffico. Una delle mie strade preferite è il Sunset Boulevard, una serpentina d’asfalto che segue esattamente il percorso fatto dal bestiame alla fine del Settecento, partendo dal Pueblo di Downtown fino ad arrivare all’Oceano Pacifico. Una strada unica, affascinante, che gli odori di pino, oleandro, ibiscus ed eucalipto rendono magica, surreale.
In Ultraviolence volevo concentrarmi più sull’aspetto tecnico della musica, ed esplorare il mio interesse per la composizione. L’album inizia con una canzone intitolata Cruel world, in cui ci sono 25 secondi di interludio di chitarra che stabiliscono subito il tono dell’album e i luoghi dove sarà ambientato. È l’inizio del viaggio, un percorso della memoria che ci porta dalla West alla East Coast. Il brano numero 4, infatti, è Brooklyn baby, mentre l’ultimo è una cover jazz di Nina Simone, una storia a parte. In questo album l’ordine delle canzoni è molto importante, e il fatto che abbia deciso di chiuderlo con “The other woman” mi dà la possibilità di raccontare la mia storia come voglio io, creando connessioni tra le varie tracce, combinandole con immagini e feelings diversi".
Tra le passioni musicali, due le più importanti: le colonne sonore cinematografiche e i Nirvana. "Sono una fan di Nino Rota, Samuel Barber, Thomas Newman e Giorgio Moroder, che è diventato un amico carissimo e con cui spero di collaborare per il mio prossimo disco. La prima volta che ascoltai Kurt Cobain avevo 11 anni. Era l’uomo più bello che avessi mai visto e nonostante fossi una bambina ho “sentito” fisicamente la sua estrema tristezza. Come diceva il filosofo metafisico Josiah Royce, “senza radici non si può avere alcun frutto”, e Kurt ha davvero piantato un seme nel mio cuore".
Con le sue canzoni Lana vuol essere fonte di riflessione per le nuove generazioni. "Vorrei riuscire a trasmettere un messaggio positivo. In questi ultimi anni, inseguendo i miei sogni e cercando di concretizzare le mie passioni, ho imparato due cose: che non bisogna arrendersi mai e che quando affrontiamo le difficoltà facendo ciò che amiamo siamo più felici e sicuri di noi stessi".
http://www.vogue.it/uomo-vogue/cover-story/2014/10/lana-del-rey#sthash.3LPMtT4A.dpuf
Posta un commento