Wim Wenders Orso d'oro alla carriera: "Sogno di fare una commedia"

Wim Wenders è considerato uno dei registi più influenti del Nuovo cinema tedesco, ha realizzato oltre 50 film e tra pochi giorni sarà a Hollywood per cercare di portare a casa l'Oscar. Tuttavia, ammette di avere ancora un sogno da realizzare: fare una commedia. "Quando sogno mi capita di pensare a cose che non ho fatto - ha confessato il regista, che ha ricevuto l’Orso d’oro alla carriera - e una di queste, perché non ho avuto il coraggio e perché non credo di esserne in grado, è la commedia". "Per me è un sogno, perché non so se riuscirò mai a realizzarlo", ha aggiunto Wenders che ad agosto compirà 70 anni.
Il premio ricevuto alla Berlinale celebra la figura poliedrica di regista, fotografo e autore che continua a "ispirare altri registi", ha osservato il direttore del Festival Dieter Kosslick aggiungendo: "Con questo premio rendiamo omaggio a uno dei più importanti autori contemporanei".
Sin dal suo esordio con 'Estate in città' (1970) e con il successivo 'La paura del portiere prima del calcio di rigore' del 1972, Wenders ha rotto molte convenzioni del cinema anni Settanta. Tuttavia, per l'ormai veterano regista nato a Düsseldorf la svolta decisiva è arrivata con il suo quarto lungometraggio, 'Alice nella città': "Non ho seguito alcun modello. Con questo film sono diventato un vero regista", ha sottolineato il regista chiedendo applauso per l'attrice Yella Rottländer, che ha interpretato la protagonista. Stasera, in suo onore, sarà inoltre proiettata una versione completamente restaurata del suo primo successo internazionale, 'L'amico americano', ispirato al romanzo di Patricia Highsmith, che racconta l'amicizia tra due uomini interpretati da Bruno Ganz e Dennis Hopper.
Durante la retrospettiva che il Festival ha dedicato a Wenders in questi giorni sono stati proiettati film come 'Paris, Texas', la versione completa di 'Fino alla fine del mondo', 'Il cielo sopra Berlino', il documentario 'Tokyo-Ga' e 'Pina', omaggio alla coreografa Pina Bausch con il quale nel 2012 ha ricevuto una nomination agli Oscar. Questo documentario è stata la prima incursione di Wenders nel formato tridimensionale, al quale è tornato quest'anno con il film 'Everythig will be fine', presentato fuori concorso alla Berlinale.
Interpretato da James Franco e Charlotte Gainsbourg, un dramma fiabesco sul senso di colpa e il perdono che ha ricevuto recensioni contrastanti. "Con il 3D cerco di avvicinarmi il più possibile al modo in cui vedono i nostri occhi, imitandoli con due telecamere", ha detto oggi in sua difesa Wenders che si è detto felice di essere stato in grado di mostrare fuori concorso questo nuovo lavoro.
"E 'stato un buon modo di collegare passato e presente", ha detto il regista aggiungendo: "E per dire che questo è un premio per una carriera in corso, non finita".
http://www.adnkronos.com/intrattenimento/spettacolo/2015/02/12/wim-wenders-orso-oro-alla-carriera-sogno-fare-una-commedia_giPvzsVL6FnMZxI2H9heSI.html
Posta un commento