Il mammo di Ozon: "Un'altra famiglia è possibile"

Il regista francese affronta il tema del desiderio maschile di maternità in "Una nuova amica" con Romain Duris
PARIGI - FRANÇOIS Ozon firma una favola hitchcockiana "en travesti" sui misteri dell'identità sessuale, il desiderio maschile di maternità, un diverso concetto di famiglia. Una nuova amica (in sala il 19 marzo per Officine Ubu) racconta di una giovane (Anais Demoustier) che, persa l'amica del cuore, promette di vegliare sul marito e la figlioletta neonata. Quando tenta di mantenere la parola, scopre le segrete trasformazioni del vedovo (Romain Duris) da David a Virginia.
Ozon, la sessualità è spesso al centro del suo cinema.
"Affronto il tema dell'identità, il sesso ne fa parte. È un argomento che mi piace, di cui mi interessa capire cosa si può mostrare e cosa no. Mi piace mostrare l'ambiguità, la scoperta che si può essere sedotti da qualcosa che non si conosce ancora. La protagonista si scopre attratta da un uomo che si veste da donna: il film è il viaggio emotivo per capire se lei ama David o Virginia".
Ci sono anche momenti di umorismo.
"A un certo punto ho scritto una dichiarazione di intenti ironica: "Spero che tutti gli uomini corrano fuori dal cinema a comprare calze di nylon, trucco e vestiti, non per le mogli ma per loro stessi". Ma i produttori temevano avrebbe abbassato gli incassi. Volevo far scoprire agli uomini il mondo del travestitismo in modo gentile".
Perché Romain Duris?
"Ho fatto molti provini. Romain si è fatto notare non solo per la bellezza ma per la gioia che e esprimeva nel travestirsi: gli veniva naturale ".
Perché questo film ora?
"Vent'anni fa non trovai i soldi per girare un corto dal racconto di Ruth Rendel, tono simile alla serie tv Alfred Hitchcock presenta. Ma il finale era tragico: la donna uccideva l'amico. Stavolta ho deciso che volevo raccontare una favola a lieto fine. Nella vita vera è un'utopia, ma il cinema deve dare al pubblico qualcosa da sognare, mostrare che un'altra famiglia è possibile".
Lei lo ha definito un film politico.
"È un film sulla libertà e la tolleranza. Ho iniziato a lavorare alla sceneggiature tre mesi prima delle proteste in Francia contro i matrimoni gay. Ho capito la storia sarebbe diventata politica, anche perciò ho cambiato tono e finale".
Come ha reagito il pubblico?
"Le donne lo capiscono più degli uomini, che sono chiusi, "machisti" e rifiutano di identificarsi con il personaggio maschile. Per me è bella l'idea di un uomo che vuole diventare madre. Quando c'è l'amore tutti i ruoli sono possibili e accettabili".
La Francia è sempre stato un paese bandiera di tolleranza.
"È una società in involuzione. La crisi profonda ha portato a un passo indietro, la povertà spinge molti ad abbracciare valori conservatori. Io sono per ogni forma di libertà e laicità ".
Che rapporto ha con la religione?
"Sono ateo, ma ho avuto una educazione cattolica. Che ho apprezzato, perché mi ha dato l'idea e il piacere e il gusto del peccato".
Qual è il film che ha più colpito la sua immaginazione?
"A sette anni avevo solo visto cartoni Disney. Di nascosto una notte accendo la tv e mi fermo su un film  -  poi scoprirò era Germania, anno zero di Rossellini . Mi identifico completamente in questo ragazzino che cerca di sopravvivere nella Berlino in macerie. Ricordo lo choc, la commozione. Il desiderio di fare il cinema è arrivato quella notte".
Qual è stato il momento peggiore della sua carriera?
"Un'esperienza tremenda vissuta mentre giravo un corto su una serial killer. L'attrice si è identificata con il personaggio, sul set diceva di sentire che poteva uccidere qualcuno. Ha rischiato di impazzire. Ho capito che il cinema può essere pericoloso ".
Il migliore?
"È legato a Sotto la sabbia, il film con Charlotte Rampling. Avevo tutti contro: "a nessuno importa di una cinquantenne". Il grande successo è stata una buona vendetta. Anche se c'è ancora chi continua a considerarmi un regista misogino".
http://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2015/02/18/news/il_mammo_di_ozon_un_altra_famiglia_possibile-107592031/
Posta un commento